Piano di classifica
Visualizza il PIANO DI CLASSIFICA in formato pdf

L entrata in vigore del nuovo Piano di Classifica, che verrà approvato con la procedura definita dall art.37 L.R.79/2012, è prevista per l 1/1/2015. Per l anno 2014 resta confermata la validità dei Piani di Classifica vigenti alla data di entrata in vigore della L.R.79/2012. (art. 37, c. 3, della L.R. 79/2012). Per la porzione del comprensorio 3  Medio Valdarno costituita dall ex comprensorio 17  Val di Sieve , per l anno 2014, viene quindi applicato il seguente Piano di Classifica.

Le ENTRATE TRIBUTARIE (ruoli) vengono ripartite tra i proprietari di immobili del comprensorio secondo il PIANO DI CLASSIFICA (approvato dalle Comunità Montane Mugello e Montagna Fiorentina con propri atti deliberativi di Assemblea: CM-Mugello n. 21 del 27/07/2006 e CM-Montagna Fiorentina n. 23 del 29/09/2006), che dunque valuta come il tributo si ripartisce sulla base del beneficio relativo tra gli immobili.

"Il piano di classifica degli immobili" ai sensi dell'art 16, LR 34/94, è lo strumento che:
  1. individua i benefici derivanti dalle opere di bonifica,
  2. stabilisce i parametri per la quantificazione dei medesimi,
  3. determina per ciascun immobile l'indice di contribuenza derivante dal calcolo parametrale.
Praticamente, il piano di classifica degli immobili suddivide il comprensorio in zone omogenee rispetto alla necessità di manutenzione (sulla base della lunghezza dei corsi d'acqua e del numero di opere censite). Inoltre individua quali sono i parametri attraverso i quali viene calcolato il beneficio degli immobili.La misurazione del diverso grado di beneficio tra le singole proprietà immobiliari viene effettuata mediante la definizione di un indice tecnico e di un indice economico.

Il calcolo dell'indice tecnico è stato realizzato per porzioni di territorio aggregate in zone omogenee. Tali zone sono state individuate sulla base della densità di reticolo idraulico e di opere idrauliche presenti sul reticolo. Dall'analisi delle carte della densità di reticolo idraulico - dove per densità si intende la superficie di reticolo da mantenere diviso la superficie del bacino idrografico - e della densità di opere idrauliche (semplicemente il numero di opere diviso per superficie del bacino) si è giunti alla suddivisione del Comprensorio in 5 zone. Infine è stata compiuta un'ulteriore aggregazione, stante la bassa dispersione dei valori calcolati dell'indice tecnico, e si è giunti dunque all'individuazione di 3 classi omogenee dal punto di vista idraulico.

Gli indici economici applicabili si riconducono sostanzialmente al reddito dominicale degli immobili agricoli e alle rendite catastali degli immobili urbani che esprimono un valore già perequato per destinazione, qualità e classe atto ad esprimere la diversa entità del valore fondiario o del reddito di ciascun immobile.

L'unità areale elementare di ragguaglio dell'indice di beneficio è il foglio catastale.

Visualizza il PIANO DI CLASSIFICA in formato pdf